In questo numero Numeri arretrati Abbonati ora

Credit Village Magazine
è la rivista italiana specializzata nel credit management e si rivolge a chi per lavoro, studio, interesse o curiosità, vuole essere informato e aggiornato sul mondo del credito.

CVM CVM 3

Sommario

 

 

Editoriale

25 anni di gestione e recupero crediti 

Come molti sapranno, quello giornalistico non è l’unico mio interesse, sono anche il CEO e fondatore di un’impresa di recupero crediti che quest’anno compie 25 anni di attività. E poiché gli anniversari sono sempre fonte di riflessione, mi piace allora ricordare lo sviluppo tumultuoso e disordinato che il settore (privo di regole com’era) ebbe a partire dai primi anni ’90. Si passò dalle circa 100 imprese iscritte in CCIAA con oggetto sociale “recupero crediti” di fine anni ’80, alle quasi 500 del 1994 e alle oltre 2000 di inizio millennio. Sempre in quell’epoca si sentiva parlare di recupero crediti solo in negativo, per lo più da Rai 3 con “Mi manda Lubrano”. Fu proprio per cercare di dare un’informazione meno superficiale che a inizio ’96 pubblicai il mio primo libro “Il recupero crediti stragiudiziale”, (la cui 6° edizione è uscita nel 2014 a 18 anni dalla prima, seguito da una lunga serie di altre pubblicazioni oltre che con FAG anche con Franco Angeli e Sole24Ore). Fu sempre in quell’anno che venne emanata la famosa Circolare Masone che, nel maldestro tentativo di regolamentare meglio il settore, limitava l’attività alla provincia di competenza del Questore che aveva concesso la licenza. Fatalità volle che fui tra i primi a cui fu notificata e, fedele al mio spirito battagliero, inondai i colleghi di mezza Italia di fax (all’epoca le email erano sconosciute) con il grido di allarme. Nacque così la prima Associazione Italiana di Imprese di Recupero Crediti, diventata UNIREC nel ‘98, delle quali sono stato presidente, quasi ininterrottamente, fino al 2006. Fin da subito l’associazione si dotò di un rigoroso codice deontologico (la cui base era quello che adottavo nella mia azienda). Una novità assoluta per il settore. Ma in quegli anni pioneristici, dove c’era tutto da costruire, furono davvero tante le novità: l’adesione al sistema Confindustriale; il ricorso alla Corte di Giustizia Europea (che poi condannò l’Italia per quella famigerata circolare); la firma nel 2004 del primo decalogo con Adiconsum e Federconsumatori; l’entrata nella federazione europea Fenca; la certificazione della professione con Cepas; l’instaurazione di buoni rapporti con Istituzioni, Autority, associazioni datoriali, media (non facile, ma molto positiva le partecipazioni a trasmissioni come “Mi manda Rai 3” e Striscia la Notizia”), ecc. In sostanza furono gettate le fondamenta della costruzione di una nuova immagine dell’industria del recupero crediti che. nel frattempo, si era strutturata con tecnologie d’avanguardia, processi complessi e metodi assolutamente negoziali di approccio ai debitori. Un’industria che recupera oltre 8 miliardi di euro l’anno, apportando cash flow alle imprese in tempi rapidi e con costi commisurati al risultato. Costituendo in tal modo la linfa vitale per il sistema finanziario e industriale del nostro Paese.

Ma per venire al numero attuale la Cover Story è dedicata a Giuseppe Sibilla, Direttore Generale di BPER Credit Management mentre all’interno del Dossier troverete un interessantissimo approfondimento sull’Npl Investing & Collection Summit, il nostro evento di primavera tenutosi lo scorso 13 Aprile a Milano presso la prestigiosa location di Palazzo Mezzanotte

Passando ai Papers  vi segnalo il resoconto sul VII Rapporto Annuale UNIREC con tutti i numeri aggiornati del settore, un’intervista esclusiva a Francesco Guarneri, CEO di Guber S.p.A sulla recente operazione realizzata da Varde Partners, un articolo di grande attualità sul settore della Debt Collection in Grecia ed un’interessante intervista sul mercato del leasing in Italia.

Seguono come sempre le rubriche, tra cui segnaliamo quella NPL con il quadro aggiornato sui dati relativi al primo quarter 2017 dei principali players di settore esteri quotati.

Buona lettura!

 

 

Cover story

 

 

Dossier