19/07/2017

Alle vacanze non si rinuncia e si va con un prestito

Gli italiani non hanno alcuna intenzione di rinunciare a qualche giorno di meritato relax nonostante il periodo piuttosto incerto a livello economico, ragione per cui la percentuale di chi ha deciso di fare qualche giorno fuori porta è in costante crescita anche se per farlo è necessario indebitarsi un minimo. Non avendo, infatti, tutti la possibilità cash di pagarsi le agognate vacanze aumentano anche coloro che decidono di fare un prestito. I dati su questo fronte parlano chiaro, molti gli osservatori che lo dimostrano, ecco gli ultimi dati emersi:

  • L’Osservatorio curato da Findomestic, importante realtà che opera nel credito al consumo, si è occupato di indagare i progetti degli italiani per questa estate 2017. Rispetto a quanto rilevato nel 2015 sono sempre meno coloro che rinunciano alle tanto attese ferie, la meta preferita stando a quanto dichiarato dagli intervistati, nel 58% dei casi, rimane l’Italia. Che resta ai primi posti specie da chi  ha almeno un figlio (63%), principalmente per la praticità e per la più semplice organizzazione. Ad attirare consensi, secondo quanto messo in luce dall’Osservatorio, sono soprattutto le località di mare, scelte dal 65% del campione, seguite dalla montagna o collina (10%) e dai viaggi itineranti (10%). In ultima posizione per numero di scelte le città d’arte. La pianificazione, e conseguente prenotazione, avviene soprattutto sfruttando le opportunità offerte dal web (56%).
  • A confermare la tendenza concorrono anche le analisi effettuate da Facile.it e Prestiti.it, che evidenziano come dall’ 1 gennaio al 31 maggio 2017 siano stati erogati oltre 33 milioni di euro per sostenere i costi di viaggi a breve, medio o lungo raggio. Ogni anno, si evince dai risultati, gli italiani fanno più di 60 milioni di viaggi e sempre più spesso per farlo si sottoscrivere un prestito, tanto che, secondo lo studio, compiuto su un campione di oltre 60 mila domande di finanziamento presentate nei primi cinque mesi dell’anno, chi vuole un prestito per pagare le ferie punta ad ottenere in media poco più di 5 mila euro (5.071 euro); cifra superiore del 7,7% rispetto a quella che gli aspiranti vacanzieri italiani volevano un anno fa, ed equivalente ad una rata mensile di circa 113 euro.

«Piuttosto che rinunciare al meritato riposo o alla vacanza tanto desiderata», commenta Mario Parteli, responsabile Business Unit Prestiti di Facile.it «gli italiani fanno in modo che questa pesi il meno possibile sulle finanze familiari, dilazionandone il pagamento in periodi anche lunghi; la durata media dei piani di restituzione dei prestiti per le vacanze, ad esempio, è di circa quattro anni».

  • Dall’ultimo osservatorio pubblicato invece da “SosTariffe”, relativo ai prestiti richiesti per viaggiare nel 2017, emerge inoltre che sono 10 le province in cui le richieste di prestiti sono più frequenti, di cui 7 sono città del Nord. Basti pensare che sul totale delle richieste provenienti da ogni parte d’Italia, il 73% arriva dal Settentrione. In testa troviamo Miliano dove il 25% dei cittadini non sembra disposto a rinunciare alle ferie per nulla al mondo.

Autore: Erica Venditti
Fonte: Credit Village
famiglie - crisi - congiuntura economica - credito - vacanze - prestito

Archivio