10/11/2017

Carige, oggi le offerte per Gerica: cinque cordate in gara

Sarebbero attese oggi secondo le indiscrezioni le offerte non vincolanti per l’acquisizione di circa 1,4 miliardi di non performing loan lordi di Carige. Dopo la data room, è previsto oggi il primo passaggio formale per selezionare le proposte migliori. Al lavoro per la banca genovese è il consulente Bain & Co. Il portafoglio di Npl rientra all’interno delle attività da cedere secondo il piano deciso dall’amministratore delegato Paolo Fiorentino in vista dell’aumento di capitale.
In corsa per l’acquisizione di circa 1,4 miliardi di non performing loan lordi e per la piattaforma Gerica (che gestisce altri 1,2 miliardi di Npl) ci sarebbero cinque cordate formate da investitori e servicer specializzati nella gestione e recupero crediti Il primo consorzio sarebbe costituito dal gruppo internazionale Pimco e da Anacap. Inoltre nella partita sarebbe anche la cordata formata dalla società di investimento Davidson Kempner e da Prelios e una terza alleanza Bayview Capital-Crif. In gara ci sarebbero infine la branch italiana del gruppo nordico Lindorff-Intrum Justitia e, per ultimo, Credito Fondiario-Fonspa e il fondo statunitense Elliott.
La formazione di consorzi risponde a una strategia chiara: sul tavolo non c’è infatti soltanto un portafoglio di Npl (con un mix di secured e unsecured), ma anche la piattaforma di Npl denominata Gerica.
Al processo all’inizio erano stati invitati circa 25 investitori. Ora sarebbero state selezionate cinque cordate. Il processo dovrebbe chiudersi entro la fine dell’anno. L’operazione segue la cartolarizzazione da 938 mili0ni di euro chiusa prima dell’estate con il supporto della garanzia pubblica (Gacs). La cartolarizzazione è stata chiusa prima dell’estate con il supporto di Prelios e Banca Imi.
Il piano di cessioni sta dunque proseguendo dopo la vendita dell’immobile di corso Vittorio Emanuele a Milano al fondo Antirion. Entro fine anno potrebbe essere annunciata anche la dismissione di Creditis, per la quale c’è l’interesse di Mediobanca e per la quale sono attese le offerte vincolanti nelle prossime settimane.
Nel frattempo, starebbe proseguendo il road show per presentare agli investitori l’aumento di capitale. Negli ultimi giorni il management avrebbe avuto una serie di colloqui telefonici e di conference call con investitori americani. Se tutto andrà secondo le attese, la ricapitalizzazione (garantita da un consorzio formato da Deutsche Bank, Credit Suisse e Barclays) dovrebbe, presumibilmente, concretizzarsi attorno al 20 di novembre.

 

 

 


Autore: carlo festa
Fonte: the insider
carige - npl - gerica - recupero crediti - cartolarizzazione - cessioni

Archivio